PINOCCHIO: secondo l’UAMI è registrabile come marchio comunitario denominativo

PINOCCHIO: secondo l’UAMI è registrabile come marchio comunitario denominativo

PINOCCHIO: secondo l’UAMI è registrabile come marchio comunitario denominativo

L’UAMI, con la decisione del 25 febbraio 2015 (R 1856/2013-2) della seconda Commissione di ricorso, ha ritenuto valida la registrazione come marchio comunitario denominativo del termine “PINOCCHIO”, con la sola esclusione di quei beni e servizi il cui oggetto non può che essere il titolo o il personaggio di fantasia del noto libro per bambini.
Secondo la Commissione:
“Il marchio consistente nella parola “PINOCCHIO” risulta essere privo di capacità distintiva in relazione ad alcuni beni e servizi delle classi 9 (in particolare film, videogiochi, pellicole cinematografiche, supporti audio e video) 16 (libri per bambini, libri di disegni, fumetti), 28 (giocattoli e affini), 41 (parchi divertimenti e affini, produzioni teatrali, performance dal vivo), dal momento che i consumatori possono essere indotti a pensare che questi beni e servizi si riferiscano alla storia e al personaggio di Pinocchio, non avendo il termine altro significato.
Non vi sono, invece, prove sufficienti per dimostrare che il termine “PINOCCHIO” non sarebbe memorizzato e riconosciuto come un’indicazione di origine commerciale per i rimanenti prodotti e servizi coperti, né sussistono ragioni per cui, per tali beni e servizi, esso dovrebbe essere lasciato libero per i concorrenti, giacché non priva altri operatori di un termine essenziale e ampiamente utilizzato nei settori di riferimento.”