Decreto attuativo del Patent Box

Decreto attuativo del Patent Box

Decreto attuativo del Patent Box

Sul sito del Ministero dello Sviluppo economico e sul sito del Ministero dell’Economia è stato pubblicato il decreto attuativo del “Patent Box” che, lo ricordiamo, prevede una tassazione agevolata sui redditi derivanti dalle opere di ingegno.

Il decreto attua quanto previsto dalla Legge di Stabilità per il 2015 e introduce uno sgravio fiscale per brevetti, marchi, software protetti da copyright, disegni e modelli giuridicamente tutelati.

L’agevolazione consiste in una deduzione dal reddito pari al 30% nel 2015, al 40% nel 2016 e al 50% dal 2017.

Il reddito oggetto di agevolazione fiscale è quello che deriva dall’uso diretto del bene immateriale.

Per determinare la quota di reddito che beneficia del regime agevolato bisogna effettuare il rapporto tra i costi di ricerca e sviluppo sostenuti per il mantenimento e l’accrescimento del bene (costi qualificati) e i costi complessivi sostenuti dal contribuente per il mantenimento del bene (costi complessivi). Tra i costi qualificati rientrano le attività svolte non solo dal contribuente, ma anche da università, enti di ricerca e altre società.

L’opzione ha una durata pari a cinque periodi di imposta, è irrevocabile e può essere rinnovata.

L’opzione riguarda il periodo di imposta durante il quale è comunicato e i successivi quattro.